Guida sicuro e confortevole chi vede bene! Benessere visivo in condizioni critiche di luce

Guida sicuro e confortevole chi vede bene! Benessere visivo in condizioni critiche di luce

La prima sensazione, che ognuno di noi prova entrando in una stanza scarsamente illuminata, è la perdita di sensibilità visiva. La spiegazione a questo fenomeno sta nella struttura dell’occhio umano.
Quando la radiazione luminosa, dopo essere stata filtrata da cornea e cristallino, arriva sulla retina stimola le terminazioni nervose in essa contenute: i coni e i bastoncelli.

Visione fotopica
I coni, maggiormente concentrati in una zona centrale della retina (fovea), operano solo alla presenza di elevati livelli di illuminazione. Consentono di discriminare i colori e di avere un’ alta risoluzione dei dettagli (visione fotopica).

Visione scotopica
I bastoncelli sono la stragrande maggioranza di recettori luminosi presenti nella retina (circa 120 milioni contro i 7 milioni dei coni) e si trovano soprattutto nella periferia. Operano in condizioni di bassa luminosità ma permettono una visione meno dettagliata, in bassa risoluzione (visione scotopica).
Dopo un certo periodo di adattamento, con il sistema visivo completamente attivato, si può notare che
la capacità di cogliere dettagli è inferiore
i colori sono percepiti solo come diverse tonalità di grigio

Visione mesopica
In condizioni di luce intermedia (come nelle ore crepuscolari) interagiscono sia i coni che i bastoncelli e si ha la visione mesopica.

La miopia notturna
Di notte o in condizioni di scarsa visibilità (foschia, luce crepuscolare, pioggia…) le capacità visive, anche di coloro che vedono bene, subiscono un calo fisiologico.
E’ la cosiddetta miopia notturna che può essere calcolata attorno al valore che va da 0,25 a 1 diottria e oltre: un occhio emmetrope (che abitualmente vede bene) diventa miope e un occhio miope lo diviene ancora di più.
La miopia notturna considerate tutte le difficoltà che comporta, può divenire una grande fonte di stress, specie mentre si guida poiché su dieci decisioni prese, nove dipendono da ciò che si vede.
Migliorare la percezione delle immagini vuol dire quindi guidare in modo più sicuro.

Lenti con trattamenti specifici
Per affrontare con serenità l’improvvisa riduzione di acutezza visiva che si manifesta a iniziare dal crepuscolo, sono disponibili lenti con specifici trattamenti che permettono di migliorare la visione e la percezione delle immagini, aumentarne la luminosità ed eliminare i fastidiosi riflessi creati da fonti di luce che si possono incontrare (ad esempio i fari delle altre macchine).
Queste lenti vengono fornite nei nostri centri ottici dopo aver effettuato opportuni test dimostrativi, tramite strumenti appositamente studiati e realizzati.